Valori limite di CO2: Dieter Zetsche vuole allontanarsi dal "commercio dei tappeti" e chiede la partecipazione dell'industria automobilistica al processo politico: una grande donazione alla CDU è uno scandalo?

I critici automobilistici sicuramente si batteranno le mani sopra la testa. Il capo della Daimler Dieter Zetsche non è soddisfatto delle normali attività di lobbying a Bruxelles, ma, in qualità di leader del settore automobilistico, chiede anche alle case automobilistiche di essere direttamente coinvolte nel processo politico per la determinazione del valore limite dell'UE. I Verdi schiumeranno e inizieranno la loro poesia di Save the World, le associazioni ambientaliste denunceranno la richiesta di Zetsche come scandalosa, il governo centrale di Bruxelles sarà oltraggiato: il CEO di una casa automobilistica non ha mai osato unirsi al tavolo delle trattative per decisioni politiche ,


Il governo tedesco concede alle case automobilistiche scadenze più lunghe nella disputa sui valori limite di CO2: ed è una buona cosa!

2012280032_0001

Anche se le associazioni ambientaliste criticano ora che la Germania è riuscita a rinviare un voto sui valori limite medi di 2020 g / km, previsti per il 95, questa è una vittoria della ragione. Spiegel online lo scrive in modo meschino, ma abbastanza corretto: "vittoria della lobby dell'auto". Esatto, ma perché la lobby anti-auto dovrebbe sempre vincere?

Alla riunione dei ministri dell'ambiente dell'UE lunedì scorso (14.10.2013 ottobre XNUMX), Peter Altmaier e altri colleghi hanno potuto rinviare il voto inizialmente previsto. Ciò potrebbe significare che un nuovo voto sarà possibile solo dopo le elezioni europee.


Süddeutsche Zeitung: chiunque guida un'auto in città è spietato.

Autofahren In Germania, i media stanno diventando sempre più comportamenti antisociali. Proprio come i fumatori che si fermano davanti agli uffici e ai ristoranti sono oggi osservati obliquamente, così guidare oltre il consumo di quattro litri è sempre più fuorilegge come clima e quindi ostile all'uomo. Almeno dagli oppositori della macchina e dei media autocriti, che se ne accontentano se possono accusare il governo federale di fare una campagna per le case automobilistiche tedesche. Ad esempio, in futuro la regolamentazione dei consumi per le auto.


Rapporto sul clima delle Nazioni Unite: non è possibile senza allarmismo, le conoscenze scientifiche sono talvolta decise per voto

Sebbene i fatti del quinto rapporto delle Nazioni Unite sul clima facciano chiare concessioni da apocalittici precedenti, il riassunto dei risultati intende "allarmare" il mondo. Poiché la pubblicazione dei risultati chiave non deve rallentare l'isteria climatica, i rappresentanti del governo di numerosi paesi hanno lottato in modo segreto per ogni parola nel riassunto di 30 pagine. In parole povere, ciò significa che i risultati possono essere pubblicati solo dopo che i rappresentanti del governo li hanno praticamente modificati.


Il clima globale è arretrato rispetto al riscaldamento globale: il cambiamento climatico apocalittico è un ricordo del passato, ma l'isteria climatica dell'UE rimane

Il commissario europeo per il clima Hedegaard ha parlato nel "Telegraph"

Il commissario europeo per il clima Hedegaard ha parlato nel "Telegraph"

Naturalmente, i giudizi errati non sono facilmente ammessi a Bruxelles. Dal divieto delle luci a incandescenza all'estrema regolamentazione del CO2 nelle automobili: la politica climatica dell'UE si basa sull'ipotesi che le persone uccidano il clima. Sebbene l'IPCC si stia chiaramente allontanando, la burocrazia dell'UE probabilmente si atterrà ai suoi errori ideologicamente motivati. Per troppo tempo ha dipinto scenari horror sul muro affinché i cittadini brucino la grande incredulità. E "esperti" stanno già riferendo, avvertendo di non prendere sul serio il cambiamento climatico, contrariamente ad altri risultati.


Audi quattro nel film: anche un'auto di fantascienza praticamente immaginaria deve essere in qualche modo realistica

Questa Audi è disponibile solo sul computer

Questa Audi è disponibile solo sul computer

Anche il futuro ha bisogno di una base realistica. Pertanto, il compito di Hollywood per i progettisti Audi per il film "Ender's Game" non poteva essere risolto semplicemente con un design astratto, esagerato, dall'aspetto futuristico. Sebbene il "Solo flotta Audi quattro " Generati al computer, ovvero integrati digitalmente nel film, i produttori cinematografici hanno messo alla prova il team di progettazione Audi nel creativo reparto di Monaco di Baviera del design Audi. Lontani da Ingolstadt, i progettisti qui a Schwabing possono svilupparsi senza i vincoli del normale processo di progettazione e sviluppare idee audaci. Dagli sci in carbonio agli orologi a nonno di lusso, dai bagagli in pelle esclusivi ai pianoforti a coda di design, qui vengono creati prodotti che hanno poco a che fare con la costruzione di automobili. Anche l'Audi puramente digitale del futuro è stata creata qui. Tuttavia, il suo sviluppo del design non è stato molto meno complesso di quello di un'auto reale.


La BMW avvia la produzione i3 a Lipsia - L'intera produzione funziona con elettricità rinnovabile della propria produzione

Produzione BMW i3 a Lipsia

Produzione BMW i3 a Lipsia

Il fatto che il membro del consiglio di amministrazione della BMW Harald Krüger, il primo ministro sassone Stanislaw Tillich, il sindaco di Lipsia Burkhard Jung, i dirigenti responsabili e alcune centinaia di dipendenti hanno applaudito tutti all'avvio della produzione di i3 quando il primo i3 prodotto in serie è uscito dalla catena di montaggio, è ovvio. Tuttavia, era diverso da eventi simili. È stato più che l'inizio di routine della produzione di un nuovo modello. In realtà è stato il primo passo verso una nuova era della mobilità individuale: il fatto che la BMW "faccia la storia oggi", come ha affermato il CEO Krüger, non è un'esagerazione. Per la prima volta, un'auto di produzione rotolò dalla catena di montaggio, progettata e costruita da zero come un veicolo elettrico. Chiunque dica ora, ma molti i3 stanno già rotolando per le strade ha ragione. Ma la produzione in serie è molto diversa dalla produzione in pre-serie. Il primo veicolo della serie è quello di correre davanti ai corridori della Maratona di Berlino il 29 settembre.


Lo specchio non si contraddice per la prima volta: l'auto ha davvero portato "malizia" all'umanità?

Cosa dovrebbero pensare i lettori di Spiegel di questo? Una volta che lo specchio nobilita la BMW i3 come "Auto dell'anno" (probabilmente perché il passo consistente verso l'elettromobilità ha impressionato), l'editore di auto Christian Wüst scrive contro corrente ed esce come un avversario arrabbiato non solo dell'auto elettrica, ma dell'auto in generale , Ecco il commento completo da sciogliere in bocca:


L'IAA di Francoforte dà impulsi positivi al mercato e dimostra le prestazioni dell'industria automobilistica

Il presidente della VDA Matthias Wissmann

Il presidente della VDA Matthias Wissmann

Matthias Wissmann, presidente dell'Associazione dell'industria automobilistica (VDA), è più che ottimista. E non solo in termini di nuovi record di visitatori, ma soprattutto in relazione ai nuovi modelli presentati: “I visitatori possono aspettarsi 159 anteprime mondiali, 70 delle quali da produttori e 65 anteprime mondiali dai fornitori. L'IAA rimane la fiera automobilistica più importante del mondo e un'ancora di stabilità nonostante la difficile economia automobilistica nell'Europa occidentale. ”La percentuale di espositori stranieri è del 42 percento, di cui il 42 percento proviene anche dall'Asia. Interessante l'interesse degli espositori cinesi: il loro numero è aumentato di dieci volte rispetto al 2011 a 129! La maggior parte di essi sono fornitori. Alla conferenza stampa di avvio, Wissmann ha elogiato l'industria automobilistica tedesca. "I progressi compiuti dall'industria automobilistica tedesca nel ridurre gli inquinanti classici, nel settore delle emissioni di CO2 e il consumo di carburante è impressionante:


La riforma strutturale "presso Daimler" con i capi dipartimento solleva molte domande e provoca disordini nell'azienda

Si ritira alla fine dell'anno: capo delle vendite Mercedes Joachim Schmidt

Si ritira alla fine dell'anno: capo delle vendite Mercedes Joachim Schmidt

Due battiti di seguito: in primo luogo, il capo vendite Mercedes Joachim Schmidt annuncia il suo ritiro anticipato (il suo contratto è stato prorogato fino a settembre 2015 dello scorso anno), piuttosto sorprendentemente, per ritirarsi a 34 anni dopo 65 anni a Daimler, poi il Daimler ha annunciato Consiglio esecutivo in una lettera ai dirigenti che è necessaria una riforma strutturale, che dovrebbe mettere al centro l'interesse del cliente. "Orientamento al cliente" è il nuovo slogan, sebbene ci si possa chiedere se i clienti abbiano svolto finora un ruolo minore. In effetti, lo scopo principale della ristrutturazione è quello di affrontare in modo più mirato i diversi interessi dei clienti dei clienti di automobili e veicoli commerciali in tutto il mondo. Ecco la lettera del Consiglio Direttivo del Gruppo ai dirigenti:


L'aiuto ambientale tedesco nega fondamentalmente il diritto alla mobilità

Dr. Remo Klinger, avvocato e combattente legale per i diritti delle merci in scatola, molto tempo fa si è sentito obbligato a inviarmi il catalogo dei diritti fondamentali della Legge fondamentale. Lo infastidiva il fatto che non condividessi la sua opinione secondo cui non esiste un diritto fondamentale alla mobilità. Con la sua strana visione, si sente confermato dal catalogo dei diritti fondamentali della Legge fondamentale. “Se hai il pavimento mobilità per favore fatemi sapere. Se fallisci, sono grato di aver contribuito alla tua educazione costituzionale. "


Lo specchio accompagnava il boss della VW Winterkorn - ed era più vicino della rivista SZ a Dieter Zetsche, ma mantiene i soliti pregiudizi ideologici

Specchio titolo Volkswagen

Specchio titolo Volkswagen futuro

Non appena SZ-Magazin è stato sul mercato con un rapporto sull'amministratore delegato di Daimler Dieter Zetsche, Der Spiegel è apparso con la sua cover "Die Attacke", a cui il capo della VW Martin Winterkorn è stato accompagnato da due giornalisti per alcuni mesi. È stata ovviamente una coincidenza. E le storie differiscono sia nella loro intenzione (per descrivere il gruppo VW e la sua strategia nel suo insieme) sia in termini di qualità. Ciò che i due giornalisti Dietmar Hawranek e Dirk Kurbjuweit hanno osservato e alla fine scritto in pochi mesi ha molta più sostanza del ritratto di Zetsche. Solo: non perché proviene da giornalisti migliori, ma perché le persone coinvolte, in particolare il CEO di VW Martin Winterkorn, hanno permesso una maggiore vicinanza.



Pedaggio auto: sta arrivando o non sta arrivando? - Una cosa è certa: dopo le elezioni, i conducenti continueranno a essere raccolti e a gravare maggiormente

Un anno fa, il cancelliere Angela Merkel ha commentato l'argomento e, contrariamente ai precedenti incantesimi, ha ammesso che il pedaggio dell'auto è stato inserito nell'agenda del governo perché la CSU lo vuole.

pedaggioA Bild am Sonntag ha quindi provato a fingere di essere ancora contraria. Questo si chiama suonare in gruppo. Il capo della CSU Seehofer sa perché può tenere caldo l'argomento. Probabilmente anche con la benedizione del Cancelliere, che lo formula in modo intelligente. Non è contro, ma improvvisamente vede il pedaggio come "scettico" nella migliore delle ipotesi. Usignolo, ti sento trappole. L'altalena retorica fa una grande differenza. Ed è chiaro che il Cancelliere ha già lasciato libera la sua posizione di costante rifiuto.


Gli americani scoprono (lentamente) l'auto diesel: "Chiunque l'abbia guidata una volta è elettrizzato" - ma i pregiudizi sono duri.

Pompa di benzina diesel a Los Angeles

Pompa di benzina diesel a Los Angeles

Abbiamo ancora la storia che il diesel è disponibile solo nelle stazioni di servizio sporche negli Stati Uniti, dove anche i camionisti riempiono i loro serbatoi. Questo è tanto tempo fa e potrebbe ancora essere il caso in alcune piccole città del Midwest. Nello stato "rigoroso delle emissioni" della California, la maggior parte delle pompe di benzina non differiscono da quelle tedesche. Il diesel e i vari tipi di benzina di solito condividono un pilastro, proprio come il nostro.


La prima mondiale BMW i a New York, Londra e Pechino: come la BMW dà l'impressione di non costruire più motori a combustione.

Premiere i3: Norbert Reithofer a New York

Premiere i3: Norbert Reithofer a New York

Il capo del BMW Group Norbert Reithofer certamente non considera le esagerazioni come la base del lavoro comunicativo. Quando ha introdotto l'i3 "nato elettricamente", tuttavia, ha evitato qualsiasi tipo di modestia riservata. Alla fine, l'obiettivo era quello di chiamare nientemeno che "una rivoluzione" che avrebbe cambiato la nostra società: l'auto elettrica, inizialmente nella forma della futuristica e carina BMW i3.