La nuova VW Taigo: bella come immagine - come motore a scoppio di ieri?

Il modo in cui Volkswagen deve bilanciare l'e-mobility ei prodotti a combustione può richiedere rispetto. Il leader del gruppo VW Herbert Diess non fa mistero del fatto che Volkswagen deve finanziare la strada per la mobilità delle batterie con la vendita di motori a combustione. Con l'introduzione del nuovo “Taigo” diventa ancora una volta chiaro quanto sia contraddittorio l'interruttore nel mondo elettrico. O devi andare?

 


Giudice di linea: chi ha progettato la Porsche 911?

Il processo è pieno di potenza esplosiva: la domanda è chi ha creato la caratteristica forma del corpo dell'iconica vettura sportiva Porsche 911. La Corte federale di giustizia dovrebbe trovare una risposta a questo.

Da Harald Kaiser

Il 9 dicembre non sarà un giorno come gli altri per Porsche. Se i dirigenti della casa automobilistica potessero, sarebbero felici di rimuovere l'attenzione del pubblico associata a quella data dall'interesse collettivo. Ma sicuramente daranno il super cool e fingeranno di avere tutto sotto controllo - legalmente. Ma potrebbe andare diversamente. Perché quel giorno, all'inizio di dicembre, inizia un processo contro Porsche davanti alla Corte federale di giustizia (BGH), il cui esito può comportare risarcimenti di molti milioni di euro.


Mercedes-Benz EQS: la migliore auto nel mondo parallelo (elettrico)

L'auto migliore del mondo è sempre stata la Classe S di Mercedes-Benz: dotata della tecnologia più recente, lussuosa e potente, l'ammiraglia di Stoccarda è sempre stata il punto di riferimento globale per la categoria di veicoli di punta. Ma ora c'è la concorrenza interna. Come prodotto di punta per il presunto futuro elettrico, Daimler non ha elettrificato la Classe S, ma ha sviluppato un modello completamente indipendente: l'EQS. L'abbiamo guidato.

Di Jens Meiners


VDA critica i piani dell'UE per ridurre la CO2

"Divieto effettivo sui motori a combustione, né favorevoli all'innovazione né aperti alla tecnologia, la libertà di scelta dei consumatori è limitata, nessuna valutazione delle conseguenze sociali", ha così chiaramente criticato il presidente dell'Associazione dell'industria automobilistica, Hildegard Müller, del piani della Commissione Ue sulla via della cosiddetta “neutralità climatica”.

Ma ciò che ora dovrebbe cambiare la politica industriale duramente come un martello non è ancora legale. Inoltre, le intenzioni della stessa Commissione sono contestate all'interno della Commissione. Dietro l'apparizione del "Green Deal" della presidente della Commissione Ursula von der Leyen, i conflitti sono ancora nascosti e presto si apriranno, soprattutto nel coordinamento con i paesi dell'UE.


Le case automobilistiche tedesche probabilmente continueranno a produrre motori a combustione per decenni, in Cina

Il botto Audi per i bruciatori del 2026 ha colpito come una bomba. La colonna di fumo di questa esplosione di comunicazione si erge ancora sopra Auto-Deutschland. Ora VW ha seguito l'esempio. BMW sta affrontando l'argomento con maggiore attenzione e vuole tenere conto delle richieste dei clienti. Tutto sommato, il VDA sembra pugnalare il VDA alla schiena, che ha dato il via alla valanga dell'industria anti-auto con il big bang "frode diesel". Ora il gruppo VW sembra superare anche le richieste più dure dei Verdi, più precisamente: voler insidiare.

 


E-mobility: il bilancio di CO2 è stato calcolato in modo errato?

Sarebbe un errore capovolgere la strategia di mobilità dell'UE nell'ambito del “Green Deal”: 171 scienziati in una lettera aperta alla Commissione Ue hanno chiesto errori di calcolo al CO2-Evidenziato il bilanciamento dell'elettromobilità. Uno degli autori, il professor Thomas Koch del Karlsruhe Institute of Technology (KIT), spiega di cosa si tratta in un'intervista a Jens Meiners dell'Authors' Union Mobility.

Professor Koch, qual è l'errore di ragionamento e calcolo che lei critica?


Audi dirà addio al motore a combustione dal 2026 - La Cina si atterrà ad esso fino al 2060

"La pressione politica è diventata semplicemente troppo grande", afferma un ex direttore dello sviluppo di un produttore premium tedesco in merito ai motori a combustione. Attualmente annunciata da Audi, questa decisione cambierà radicalmente il mercato automobilistico. "La decisione è stata ovviamente presa su pressione del capo della VW Herbert Diess, che vuole passare l'intero gruppo all'elettricità".

La decisione ricadrà su Audi perché suggerisce anche agli attuali clienti Audi che stanno puntando sul cavallo sbagliato se acquistano ancora un motore a combustione interna Audi oggi. I clienti Audi si sentirebbero abbandonati, persino traditi, dalla loro azienda.



Clienti: in Audi cresce la resistenza al linguaggio di genere

"Invece di praticare il linguaggio di genere, dovremmo concentrarci meglio sull'ulteriore sviluppo dei nostri veicoli, il vantaggio attraverso la tecnologia", si lamenta un non insignificante uomo Audi del dipartimento di sviluppo. Non è l'unico a pensare che l'ortografia audiiana sia "la più grande assurdità dall'introduzione del dispositivo di manipolazione nei motori di gruppo". Un dipendente VW si sente persino discriminato e ha intentato una causa contro il linguaggio di genere prescritto dal direttore delle risorse umane Sabine Maaßen presso il tribunale regionale di Ingolstadt.


BMW 330e Touring Plug-in Hybrid: un ponte a prova di futuro verso l'elettromobilità

La cosa migliore dell'elettromobilità è (ancora) il compromesso. E sono convinto che si chiami ibrido plug-in. Nessun problema di autonomia, guidando senza dover necessariamente caricare prima l'energia elettrica, potendo comunque guidare senza emissioni in città e guidare in modo economico anche con il motore a scoppio. Questo punto di vista è stato confermato dalla BMW 330e Touring Plug-in Hybrid, che non solo mi ha impressionato come automobile, ma anche con alcune interessanti caratteristiche tecnologiche.

 


L'industria automobilistica si sta trattenendo con forti proteste contro le politiche anti-auto - VDA chiede più infrastrutture elettroniche - La Cina potrebbe persino aumentare le sue emissioni di CO2030 entro il 2

Dalla sentenza della Corte costituzionale federale su norme più severe e specifiche sulla "protezione del clima" dopo il 2030, le parti hanno ribaltato proposte ancora più stringenti dell'Accordo di Parigi in anticipo sull'obbedienza. Soprattutto, lo stesso governo federale supera alcune delle richieste dei Verdi. Non per il bene della cosiddetta “protezione del clima”, ma per togliere tutte le frecce dalla faretra delle argomentazioni anti-auto a favore dei Verdi nella campagna elettorale federale.


Bella apparizione a Tesla

Commento di Harald Kaiser:

È fantastico come bilanci apparentemente onesti possano simulare il successo. Tesla, che ai media piace rendere una stella cadente e uno shock per tutte le altre case automobilistiche, ne è un meraviglioso esempio.

La casa automobilistica californiana ha annunciato poche settimane fa di aver superato tutte le aspettative ed è stata in grado di consegnare un totale di 184.800 auto elettriche nel primo trimestre dell'anno fiscale in corso. Entrate: $ 10,4 miliardi, profitto: $ 438 milioni. Presumibilmente, Tesla è stata in grado di pubblicare un anno senza perdite per la prima volta nel 2020 e quindi apparentemente continuerà nel 2021.


Il paradosso della strategia: a tutto gas con i motori a combustione e le auto elettriche

Il capo di Audi Markus Duesmann riassume il dilemma o l'equilibrio della casa automobilistica in modo appropriato, ma in modo un po 'ambivalente: "Diamo piena potenza alle auto elettriche e allo stesso tempo tutto il gas ai motori a combustione, e anche lì con il elettrificazione corrispondente, ma ovviamente con una forte Focus sui veicoli completamente elettrici. "Gli indiani direbbero: il capo Audi parla con una lingua biforcuta.

 


Niente più diesel nella nuova Polo, ma per cosa?

La settima generazione della VW Polo deve fare a meno dei diesel economici. Era da tempo prevedibile che la costosa depurazione dei gas di scarico non potesse più essere integrata economicamente nel segmento delle auto piccole. Questo non è motivo di tristezza, perché i motori a benzina, tutti offerti come motori a tre cilindri, dovrebbero essere (quasi) altrettanto economici. E per chi vuole davvero una guida alternativa, c'è un motore a metano che passa automaticamente alla benzina quando il serbatoio è vuoto.

 

Le foto mostrano la versione R.


La strategia Toyota a lungo termine continua a fare affidamento sui motori a combustione, con l'idrogeno

Quello che la BMW aveva sviluppato vicino alla produzione di serie nel 12 cilindri 2000 cilindri e presentato su larga scala all'Esposizione mondiale di Hannover nel XNUMX, ma poi interrotto piuttosto silenziosamente, Toyota presenta ora nelle corse: il motore a combustione a idrogeno ! Toyota sta effettivamente prendendo sul serio l'apertura tecnologica richiesta da tutte le parti.

Toyota li ha sorpresi solo di recente sviluppando ulteriormente la mobilità elettrica con le batterie. L'azienda ha ora diverse frecce nella sua faretra: auto a batteria, auto a celle a combustibile e ora anche il motore a combustione con l'idrogeno. Inizialmente solo nelle corse, tuttavia, la Toyota è nota per la sua lunga strategia. Che cosa hanno sorriso più sprezzanti che ammirati i gestori automobilistici tedeschi quando la Toyota ha lanciato il primo modello ibrido, la Prius. L'attuale presidente del consiglio di sorveglianza di Daimler AG Bernd Pischetsrieder, in qualità di capo della BMW, ha definito il modo sbagliato di imballare due unità in un'auto. Oggi quasi tutti i produttori, compresa Mercedes-Benz, ovviamente, offrono azionamenti ibridi, principalmente come plug-in.


Audi si sta rapidamente muovendo ulteriormente sulla e-roadmap: Q4 e-tron e Q4 Sportback e-tron con realtà aumentata

Tutte le case automobilistiche tedesche stanno diventando sempre più veloci sull'autostrada elettrica e accettano costantemente l'ingiusta accusa di aver perso la mobilità elettrica come assurdo. Infatti, vista la velocità con cui vengono presentati i nuovi veicoli elettrici, si potrebbe avere l'impressione che la mobilità elettrica stia per fare una svolta. Non è certamente così per molto tempo, ma anche le menti scettiche come me diventano riflessive.

Audi ha appena presentato due Stromers più attraenti che non solo hanno un bell'aspetto, ma mettono anche caratteristiche innovative sulla strada, meglio: portali nell'abitacolo. A Shanghai c'è un altro e-bang di Audi da ammirare, che, come al solito, inizialmente mira a promuovere la “E-Volution” (formulazione Audi) come studio. Come contrappunto all'EQS di Mercedes-Benz, anche il concept A6 e-tron brilla con un'autonomia di 700 chilometri e quindi toglie molta aria dalle vele di un pioniere della gamma della Classe S elettrica.