BMW

Il CEO di Volkswagen Herbert Diess fa affidamento sulla pianificazione elettronica e ignora un principio importante

VW sta spingendo l'auto elettrica. E ancora più veemente di un anno fa. E il boss della VW sta chiedendo alle altre case automobilistiche di abbandonare il principio di apertura alla tecnologia che in precedenza era considerato sacrosanto. Non c'è da stupirsi che i principali gestori di auto stiano prendendo d'assalto la pausa tabù.

“Il fatto che la VW di tutte le persone voglia stabilire il ritmo tecnologico per il futuro è un tipo perfido di arroganza che l'industria non può effettivamente accettare. VW - la madre di quasi tutti i nostri problemi di credibilità come generatore di clock per la tecnologia di azionamento. Questo è decisamente audace da chiamare. ”Secondo un senior manager di una casa automobilistica bavarese che non vuole essere nominato. "Non sono un codardo, ma come ingegnere senior devo trattenermi in pubblico, anche se sono stato molto seccato con VW da quando è diventata nota la frode sui gas di scarico." La frode ha danneggiato l'intero settore, quindi non dovrebbe essere che tutti siano "dietro VW dovrebbe marciare qui ".


BMW M550d xDrive: contro la legge di inerzia

Quando i diesel hanno imparato a camminare, sono stati ancora visti come dei fumi - la BMW ha osato avventurarsi nel mondo degli autoaccenditori nel 1983 ed è ora uno dei primi. Alla luce della discussione diesel sui valori limite, che non è ideologica, la BMW M550d xDrive con i suoi 400 CV sembra una provocazione.

Il fatto che, grazie ad AdBlue e Speicherat, soddisfi anche i più severi valori limite su strada e abbia a bordo la tecnologia Euro6 d TEMP dimostra l'idoneità futura del diesel. E quando entra nella coscienza della dinamica di guida con tale veemenza, piacere di guida e ragione si fondono in sintesi.


BMW sollevata dalla Federal Motor Transport Authority - gli aiuti ambientali segnalano dubbi

La BMW aveva osato agire contro la famigerata associazione di allerta "Deutsche Umweltthilfe eV". Apparentemente la BMW ha confutato la richiesta di aiuto ambientale secondo cui una BMW 320 d che aveva testato avrebbe emesso più ossidi di azoto di quanto consentito, e la KBA lo aveva confermato. Rapporti di aiuto ambientale - qualunque altra cosa - contraddizione e dubbi. L'aiuto ambientale continua la sua lotta contro il diesel.

Quindi la disputa sulla verità passa al turno successivo. La KBA ha confermato alla BMW che la BMW 320 d esaminata dal TÜV Süd soddisfa pienamente i "requisiti legali". L'aiuto ambientale critica la restrizione formulata dalla KBA secondo cui i valori limite sarebbero rispettati "in condizioni operative normali". Umwelthilfe insiste nel sostenere che "la BMW 320d testata dal DUH ha emesso fino a sette volte più ossido di azoto nel traffico stradale rispetto al test di laboratorio". Gli ossidi di azoto sono saliti alle stelle anche quando l'auto è partita in modo sportivo.


Detroit 2018: una fiera in discesa - contributo ospite di Jens Meiners

La Cobo Hall di Detroit Rover ha visto giorni migliori. Il centro espositivo, che è stato aperto nel 1960 ed è almeno all'interno degli anni '90, è stato il luogo del salone dell'auto organizzato ogni anno dall'associazione dei concessionari di Detroit dal 1965.

All'apogeo si celebrava il "matrimonio in cielo" tra Daimler-Benz e Chrysler; Ford si è presentata con un conglomerato di marchi premium internazionali e GM ha lanciato un prodotto dopo l'altro con marchi a lungo sbiaditi come Pontiac e Oldsmobile. Le concept car di Chrysler erano leggendarie, nessuno si presentava in modo più elaborato del marchio Auburn Hills.


Detroit: la porta diesel sembra dimenticata, la Mercedes-Benz è la numero 1, la BMW rimane pallida

Chi avrebbe mai pensato che dopo il Diesel Gate e 23 miliardi di multa, il marchio Volkswagen avrebbe avuto tanto successo sul mercato americano? Mercedes-Benz segnala a Detroit che è il numero 1 tra i marchi premium. La BMW si chiama anche numero 1, ma rimane pallida. Gli ex membri del consiglio BMW criticano la mancanza di un profilo del marchio e di un lavoro di stampa incolore.

Il capo del marchio VW Diess è irto di fiducia in se stesso. Il fatto che il marchio con sede a Wolfsburg sia stato in grado di crescere del 2017% nel mercato statunitense, che era diminuito di quasi il 5,2% nel 2017, dimostra in realtà che gli americani hanno perdonato o dimenticato la frode diesel. I due nuovi lanci per il mercato statunitense (Jetta e Passat GT) sono giusti. La Volkswagen è tornata. Per inciso, anche la Volkswagen è cresciuta in tutto il mondo nel XNUMX: um


Pieter Nota: Il nuovo direttore delle vendite della BMW ha il collutorio nel sangue invece della benzina?

È probabilmente la decisione più insolita del personale sul bordo della BMW. Un settore completamente estraneo al settore dovrebbe riportare il BMW Group ai vertici dei produttori premium in termini di vendite di automobili in tutto il mondo.

Il fatto che Pieter Nota non abbia alcuna esperienza automobilistica non solo ha suscitato scalpore nel quattro cilindri di Monaco, ma ha anche causato fastidio e delusione. Non solo per coloro che hanno calcolato le opportunità da soli dopo l'antica partenza del direttore delle vendite Ian Robertson, ma anche per molti sul fronte delle vendite. “Sarà difficile per un responsabile vendite BMW che non ha idea del nostro marchio principale e che non ha sperimentato le differenze tra una trazione posteriore e una anteriore. Può imparare molto, ma alla fine ha il dentifricio nel sangue invece della benzina ”, critica il direttore delle vendite di una filiale BMW non insignificante. Questa decisione del personale provoca disordini nell'universo BMW in tutto il paese.


Nuova Audi A8: vantaggio tecnologico

C'erano molti allori anticipati. Ma anche il nuovo modello di punta Audi è all'altezza delle aspettative? E può resistere ai concorrenti di lusso di Mercedes e BMW? Dopo i primi test drive, c'è una sola risposta: sì, sì! Piccole restrizioni riservate.

Audi dovrebbe dire lentamente addio allo slogan meccanico e in qualche modo arretrato di "vantaggio attraverso la tecnologia". Perché sono principalmente le tecnologie future radicate digitalmente che assegnano la nuova A8 a quello che è probabilmente il più alto quoziente di intelligence nel cerchio dei nuovi sviluppi automobilistici. Un'intelligenza che a volte dovrebbe superare quella del suo guidatore, perché non può né stancare né giudicare male le situazioni, ma decide, agisce e interviene in modo incredibilmente affidabile con il controllo del laser e del sensore in una frazione di secondo. Se il conducente lo vuole! Quindi niente paternalismo, ma assistenza assistiva.


Specchio che “svela” più aria calda che sostanza legale

Le case automobilistiche tedesche sembrano paralizzate dopo lo "svelamento" dello specchio. Non ci sono commenti sulle accuse di cartello. Sebbene ci sia più aria calda che sostanza legale nel rapporto Spiegel, la BMW ha ora parlato.

“Fondamentalmente: i veicoli del BMW Group non vengono manipolati e rispettano i rispettivi requisiti legali. Ovviamente questo vale anche per i veicoli diesel. Ciò è confermato dai risultati delle indagini ufficiali nazionali e internazionali.

La società respinge decisamente l'accusa secondo cui il serbatoio AdBlue è troppo piccolo per la purificazione dei gas di scarico nei veicoli diesel Euro 6 del BMW Group.


Concept BMW Serie 8 Coupé: troppo bello per diventare realtà?

Questa BMW Coupé vivace è più che una visione. Dovrebbe essere più o meno in questa forma sul mercato il prossimo anno e può essere visto all'IAA di settembre.

Quando il linguaggio formale colpisce i nostri cuori in nero, la fibrillazione ventricolare emotiva è all'ordine del giorno. Ciò che la BMW ha presentato come concetto a Villa d'Este quest'anno può essere inserito nella categoria Emozioni estive.


BMW M550d xDrive: nuovo martello diesel con 400 cv

Il capo della BMW Krüger continuerà a fare affidamento sui motori a combustione oltre il 2030. Con la stessa chiarezza che il CEO di BMW Harald Krüger non ha mai detto un capo di automobili sul futuro del motore a combustione interna, che crede sarà praticabile nel 2030 come benzina e diesel. Ora arriva l'M550d xDrive.

Al congresso automobilistico e sportivo, Krüger non disse una parola. Il diesel è necessario per raggiungere un consumo di flotta legalmente vincolante. Lo dicono tutti, ma non l'abbiamo mai sentito così acutamente come da Krüger. Tuttavia, BMW continuerà a lavorare intensamente sull'auto elettrica con batteria e celle a combustibile, nonché sugli ibridi e svilupperà ulteriormente queste tecnologie.


BMW 540i: le cinque che potrebbero essere sette

La settima generazione di cinque consente di concludere che non è necessario che un sette si goda il lusso mentre guida. Con le nuove cinque, la Bayerische Motoren Werke ha ridefinito il termine classe medio-alta.

La scena ha il carattere di uno schiaffo: quando un passante guarda curiosamente attraverso il finestrino interno all'interno dell'auto di prova, non possiamo resistere alla tentazione. Avviamo il motore con il telecomando usando la chiave del veicolo e spostiamo la leva di cinque centimetri in avanti di un parcheggio remoto. L'uomo deve essere spaventato a morte perché urla per un momento, salta indietro e non sa cosa pensare. No, non è qui Comprendi il divertimento al lavoro, ma una caratteristica tecnica che suggerisce il futuro della guida autonoma. Dopo un breve respiro e le nostre oneste scuse, il fatto che i cinque non si muovano autonomamente, ma non abbiano nemmeno bisogno di un guidatore, ci affascina così tanto che non possiamo evitare una lunga spiegazione della tecnologia.


Donald Trump non è a conoscenza delle fabbriche di case automobilistiche tedesche negli Stati Uniti?

L'intervista sull'immagine con Donald Trump ignora fatti importanti nonostante una presentazione sensazionale e un'ottima risposta mediatica.

Il fatto che l'editore di Bild Kai Diekmann sia riuscito ad essere ammesso all'ufficio del futuro presidente degli Stati Uniti nella Trump Tower di New York per un'intervista è senza dubbio un risultato notevole. L'intervista è di conseguenza ben accolta da tutti i media: brillante PR per Bild-Zeitung. E il suo prossimo editore uscente.


Cella a combustibile Hyundai ix35: la tecnologia del futuro è adatta al presente?

Non c'è dubbio tra gli esperti che saremo tutti elettrici a lungo termine. Non con l'elettricità da una batteria, ma da una cella a combustibile che trasforma l'idrogeno in elettricità ed emette solo vapore acqueo dallo scarico. Ciò che suona un po '"troppo bello per essere vero" è già una realtà mobile. Con una cella a combustibile Hyundai ix35, abbiamo testato se questa tecnologia futura è adatta al presente.


L'iCar di Apple probabilmente non diventerà realtà: il capo della BMW sta aggiornando elettricamente i modelli attuali

In realtà, non esiste un luogo in cui la mobilità elettrica sia interessata. I clienti non sono ancora pronti per il futuro, a quanto pare. BMW i guida la comunicazione una volta offensiva per i3 e i8 su un back burner. Al fine di portare la BMW i in prima linea come "fornitore leader di mobilità elettrica", secondo il Handelsblatt, il capo della BMW Harald Krüger sta pianificando una nuova incursione nella mobilità elettrica. Tuttavia, non con i nuovi modelli i, ma con l'elettrificazione della gamma di modelli esistente.


Il membro del consiglio di amministrazione della BMW, Klaus Draeger, si ritira presto

Non è un puro spreco di potenziale gestionale se il consiglio di sorveglianza manda in pensione un consiglio di amministrazione, che ha ancora 59 anni "quando viene raggiunto il limite di età"? Non è tempo di pensare al significato del regolamento alla BMW, che i dirigenti devono rinunciare all'età di 60 anni ed essere esclusi dal processo di lavoro? Che spreco di esperienza, conoscenza ed energia! Il contrario dell'efficienza. Soprattutto perché i manager che hanno lasciato la BMW godono del loro lavoro (non facendo soldi per necessità!) Non di rado con la concorrenza.


Quindi non sarà nulla con l'elettromobilità

Molti ostacoli alla mobilità sotto il potere rendono ancora difficile la vita. La mobilità elettrica è sovvenzionata dallo Stato, ma l'interesse per le auto elettriche è deludente. È stato a lungo chiaro che la finzione del cancelliere di un milione di veicoli elettrici in quattro anni, che è abbastanza priva di conoscenza, è completamente irrealistica. Non è colpa del cancelliere, ma agire a cuor leggero verso il futuro rallenta il piacere di guidare con l'elettricità, che proviene principalmente dalla centrale elettrica a carbone. Ma non è nemmeno nel paese di Stromer, in Norvegia o in Olanda, che il concetto ambientale sta facendo esplodere la mobilità elettrica lì. Esistono enormi misure di sostegno come il caricamento gratuito e l'uso di corsie per autobus, ecc. In Germania si tratta di una mancanza di cuore, l'incoerenza della politica dei simboli vuoti.