Il successo di VDA è probabilmente una vittoria di Pirro

Se la VDA sta ora vendendo il parziale alleggerimento dei previsti valori limite di Euro 7 come successo delle sue critiche alle deliberazioni della Commissione Europea, si tratta di un diverso tipo di tentativo di pacificazione da parte dei critici dei bruciatori. Perché i valori limite più alti che sono ora nella stanza, ma non sono ancora stati risolti, significano la fine della combustione a lungo termine - e non solo con combustibili fossili. Allora il Green Deal diventerà il green crash dell'industria automobilistica.

La presidente della VDA Hildegard Müller si è espressa con veemenza contro i piani della Commissione europea. La possibile “concessione” dell'UE è nel migliore dei casi un ipocrita atto di misericordia verso ignari burocrati che - sostenuti da Ursula von der Leyen - vorrebbero provocare il green crash dell'industria automobilistica tedesca dal Green Deal. Se la VDA ora crede di aver impedito la fine del motore a combustione, è molto ingenuo. Gli oppositori all'auto nell'UE non sono realmente interessati ad abolire il motore a combustione, ma vogliono limitare in modo massiccio la mobilità individuale. Anche se tutte le auto fossero alimentate elettricamente, la resistenza e le critiche alla mobilità individuale rimarrebbero.

L'ex capo di Daimler era troppo ottimista

"Le case automobilistiche tedesche avrebbero dovuto affrontare le norme europee sempre più rigide molto prima", afferma un direttore dello sviluppo in pensione. “Abbiamo intrapreso uno sviluppo nella convinzione che tutto non sarebbe andato così male. Quella era un'illusione. Se dai il tuo mignolo agli oppositori anti-auto all'interno della burocrazia dell'UE, ti strapperanno il braccio ". Già nel 1997, un importante manager Mercedes ha avvertito che i valori limite dell'UE avrebbero portato alla" Classe S solo con un consumo di sei litri ”. I suoi avvertimenti furono respinti come irrealistici dall'allora leader aziendale Jürgen Schrempp. Il fatto che i valori limite debbano essere fissati ancora più bassi fa sembrare la previsione dei 6 litri una generosa concessione.

La concessione della Commissione Europea in realtà non è una

Il presidente della VDA Hildegard Müller ora lo vede positivamente: la Commissione europea ha accettato i limiti di ciò che è tecnicamente fattibile. Hai detto addio a "traguardi irraggiungibili". Il presidente ha ragione, gli sforzi della Vda sembrano dare i loro frutti, ma i dubbi sono giustificati che la Commissione si atterrà alla sua "concessione". Müller valuta il nuovo design come un approccio tecnicamente impegnativo: “Secondo una prima stima, le nuove proposte per la riduzione delle emissioni inquinanti sono 5-10 volte più severe rispetto a Euro 6. Le proposte sono ancora al limite di quanto tecnologicamente realizzabile. Dobbiamo ancora stare molto attenti che il motore a combustione interna non sia reso impossibile da Euro 7. D'altra parte, la Commissione Europea ha confermato oggi che questo non è il suo obiettivo. Ricorderemo questo impegno alla Commissione Europea nella stesura delle proposte ".

I dubbi sul fatto che la Commissione UE manterrà le sue promesse sono appropriati.

 

Lascia un commento a "Il successo della VDA è probabilmente una vittoria di Pirro"

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*