Auto elettriche nei garage sotterranei: presto dovranno stare fuori ovunque? - di Jens Meiners

È considerato il cuore della altrimenti vaga "inversione di tendenza del traffico": l'elettromobilità con auto completamente o parzialmente elettrificate. Le quote di mercato stanno lentamente aumentando, soprattutto grazie a enormi sussidi di oltre 10.000 euro in alcuni casi. Ma oltre alle molte domande relative alla portata, ai costi e ai benefici effettivi per l'ambiente, ora c'è preoccupazione per la sicurezza. Ciò ha portato al fatto che, dopo Leonberg, a Kulmbach è stato chiuso anche un parcheggio in posizione centrale per veicoli elettrici e ibridi.

 

A Leonberg, vicino a Stoccarda, il parcheggio Stromer nel garage Altstadt, secondo la città, "il miglior punto di partenza per una visita al nostro centro storico", deve stare fuori: "Per ragioni di protezione antincendio, i veicoli elettrici e ibridi sono attualmente non è consentito entrare nel parcheggio dell'Altstadt ", riporta sinteticamente il piccolo comune svevo. E ora gli operatori del parcheggio sotterraneo Stadtmitte a Kulmbach, nell'Alta Franconia, si sono fatti i chiodi con la testa. Un'auto ha preso fuoco lì lo scorso settembre - intendiamoci, un classico motore a combustione.

I parcheggi sotterranei sono bloccati per i cellulari?

Il veicolo è stato cancellato con successo, il garage è stato ora riaperto, anche se con un divieto di ingresso per le auto elettriche e ibride. E c'è una ragione per questo: le auto elettriche non bruciano molto spesso, ma quando prendono fuoco, il pericolo è estremamente alto. È necessaria regolarmente molta acqua per estinguerlo. Inoltre, le batterie possono riaccendersi più e più volte per ore o giorni con un livello di calore molto elevato e l'emissione di fumi tossici. Ecco perché le auto elettriche in fiamme a volte vengono affondate in enormi contenitori d'acqua.

Ma sono grandi come un camion, non entrano in un garage sotterraneo o in un parcheggio. E quindi c'è il rischio di incendi incontrollabili con danni potenzialmente catastrofici alla statica dell'edificio. Il fenomeno dei veicoli elettrici e ibridi ad accensione spontanea non è affatto sconosciuto. Non è stato fino al fine settimana che una nuovissima VW Golf GTE - un'ibrida plug-in con una grande batteria agli ioni di litio - ha preso fuoco all'improvviso. Mentre i passeggeri erano ancora in grado di salvarsi, l'incendio difficilmente poteva essere spento, così che l'auto, che aveva percorso solo 300 chilometri, alla fine dovette essere riposta in un contenitore speciale.

Eliminare i veicoli elettrici è rischioso

Il botto della batteria che esplode potrebbe essere sentito per miglia, secondo la "Hessisch Niedersächsische Allgemeine". A proposito: una volta che un'auto elettrica è in fiamme, spesso non è possibile salvare passeggeri che non possono più liberarsi. Non solo a causa delle temperature estremamente elevate delle batterie in fiamme, ma anche a causa del rischio di archi elettrici e scosse elettriche fino a 1000 volt. Le stazioni di ricarica rappresentano ulteriori rischi di incendio.

Resta da vedere se e come altre città reagiranno al pericolo e come verrà affrontata la questione negli edifici residenziali con parcheggi sotterranei. Forse alcuni di loro si basano sulle restrizioni diffuse sui veicoli alimentati a gas, sebbene questi veicoli siano molto più facili da spegnere rispetto alle auto elettriche in fiamme. È probabile che gli inquilini in edifici con parcheggi in garage, in particolare, stiano osservando la questione con preoccupazione. Perché ora, da sempre, il governo federale vuole limitare drasticamente il suo diritto di impedire l'installazione di stazioni di ricarica in spazi condivisi. (ampnet / jm)

 

 

1 commento a "Auto elettriche nei garage sotterranei: devono stare fuori dappertutto presto? - di Jens Meiners"

  1. Rolf Franz Nieborg | 25. Febbraio 2021 15 a: 39 | rispondere

    A mio parere, la società deve ancora affrontare un numero enorme di problemi imprevisti ...

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*