Jens Meiners su BMW X5 M e X6 M: prestazioni eccessive ai vertici

Sono veicoli in cui i protettori del clima autoproclamati e gli apostoli dell'uguaglianza si gonfiano in modo affidabile: stiamo parlando dei grandi SUV, scusate, modelli "SAV" della gamma BMW. A proposito: il Bayern è sempre stato contro il mainstream del marketing quando si tratta del termine SUV e chiama i loro veicoli fuoristrada Veicoli per attività sportive.

Mentre gli ibridi plug-in di BMW possono applicare una mano verde sulla carta del paziente su cui sono stampati i valori di consumo ufficiali e le versioni diesel sono in realtà caratterizzate da valori di consumo incredibilmente buoni, ora ci sono anche i derivati ​​sportivi della M GmbH di Garching. Come al solito, spingono in eccesso l'approccio impegnativo di entrambe le serie.

Siamo riusciti a convincerci di questo ora alla presentazione di guida nello stato americano dell'Arizona, dove si sono incontrati i modelli gemelli. La X6 M in particolare brilla con il suo straordinario design a prima vista: le linee tozze del modello precedente lasciano il posto a un'apparenza futuristica e fresca di precisione nella nuova X6. L'X5 M sembra anche piuttosto pallido e arbitrario, abbastanza confuso nella parte posteriore. Per questo, la BMW è riuscita a mettere una terza fila di sedili nella parte posteriore della X5, ma non è disponibile con la versione M.

Piacere di guida - come una competizione in 3,9 secondi a 100 km / h Foto: ampnet / BMW

In ogni caso, non è sensato cosa stia accadendo sotto la lamiera dell'M-Boliden: l'X5 M ha un biturbo V4,4 da 8 litri con 600 PS (441 kW) lisci, che è opzionale con l'X5 M e l'X6 M Il pacchetto obbligatorio sulla concorrenza aggiunge altri 25 HP (18 kW) via software. Questo è sufficiente per uno sprint da zero a 100 km / h in soli 3,9 (competizione: 3,8) secondi, e la parte superiore è ben regolata a 250 km / h, ma si apre per una tassa sopportabile di 2450 euro il cancello fino a rispettabili 290 km / h. C'è l'addestramento del conducente.

Ciò significa che i protettori muscolari bavaresi nella corsia di sinistra hanno poco da temere dalla competizione, ma il serbatoio da 83 litri si svuota anche a velocità record quando si eseguono tali esercizi. Già durante i test drive in modeste gamme di velocità sulle autostrade rigorosamente limitate del deserto di Sonora, circa 15 litri di carburante per 100 chilometri sono stati iniettati nelle camere di combustione. In autostrada, i gemelli, del peso di oltre 2,3 tonnellate, prenderanno sicuramente un sorso generoso.

L'esplosione delle prestazioni, messa in scena fino alla notevole velocità di 7200 giri al minuto, è accompagnata da un'immagine sonora che BMW, nella tipica riluttanza del marchio, definisce "emotivamente potente". Per inciso, pensiamo che il convertitore ZF automatico a otto stadi tollererebbe anche una programmazione più emotiva. Rispetto ai normali modelli X5 e X6, il telaio è irrigidito e completamente rivisto e, in combinazione con la trazione integrale a trazione posteriore e il controllo di stabilità perfettamente supportante, garantisce un comportamento di guida da neutro a leggermente prevalente, a seconda della modalità di guida, con la quale l'esperto può avviare derive controllate e tenerle lì senza problemi può. Gli stabilizzatori rotanti eliminano quasi completamente il rollio laterale negli angoli rapidi.

Nell'abitacolo: un tocco sportivo della migliore qualità

Le caratteristiche di guida possono essere modificate in una varietà quasi confusa e quindi posizionate su due palette rosse. E proprio sotto c'è il display per il "Driving Assistant" opzionale, che per inciso ha poca comprensione se il guidatore non poggia le mani permanentemente sul bordo superiore del volante, che documenta con un lampeggio eccitato. Si consiglia di spegnere il sistema e di guidare il veicolo indipendentemente dall'inizio senza assistenza, ma con la necessaria attenzione.

L'assistente vocale - un gadget di dubbia utilità - insiste per essere parlato con "Hey BMW". Nonostante tutta la sportività, il comfort non cade a terra. Le sedie elegantemente rivestite in pelle offrono un ampio sostegno laterale, ma non si distinguono per indebita durezza. E l'headroom è più che sufficiente con l'X6. Il nostro veicolo di prova era Contrariamente alla X5, è dotata di un elegante specchio interno senza cornice, che dovrebbe sempre essere di serie in questa fascia di prezzo.

I potenti modelli gemelli non sono economici: la BMW X5 M costa già 128.100 euro, la versione da competizione arriva a 141.400 euro e per una competizione X6 un orgoglioso 144.200 euro devono cambiare di mano. Ciò non rassicurerà gli apostoli sull'uguaglianza menzionati all'inizio, ma i protezionisti del clima dovrebbero essere scritti nel registro delle famiglie: senza questi margini di profitto di tali SUV sensazionali, l'industria non potrebbe permettersi di distribuire l'elettrificazione su larga scala. Tuttavia, si dovrebbe nuovamente verificare esattamente se un motore a combustione pulita come questo V8 non è il concetto migliore per l'ambiente (ampnet).

Specifiche BMW X6 M Lunghezza da competizione x larghezza x altezza (m): 4,94 x 2,02 x 1,69 passo (m): 2,97 motore: motore a benzina V8, 4395 cc, biturbo, potenza di iniezione diretta: 460 kW / 625 CV a 6000 rpm Max. Coppia: 750 Nm a 1800-5800 giri / min Velocità massima: 250 km / ho 290 km / h (limitata) Accelerazione da 0 a 100 km / h: 3,8 secondi Consumo medio UE: 12,5 litri Classe di efficienza: emissioni FCO2 : 284 g / km (Euro 6d-Temp) Peso a vuoto / carico utile: min. 2295 kg / max. 705 kg di volume del bagagliaio: 580-1530 litri Max. Carico del rimorchio: 3000 kg di sterzata: 12,8 m pneumatici: 295/35 ZR 21 anteriori, 315/30 ZR 22 coefficiente di resistenza posteriore: 0,37 prezzo base: 144.200 euro

Lascia un commento a "Jens Meiners su BMW X5 M e X6 M: prestazioni eccessive al top"

Lascia un commento

L'indirizzo e-mail non verrà pubblicato.


*

*