Il presidente dell'ADAC rappresenta ancora gli interessi dei conducenti tedeschi? Un anno fa, Peter Mayer ha richiesto una riduzione della tassa sull'olio minerale, ora lo vuole aumentare

Presidente ADAC Peter Mayer: rappresentanti degli automobilisti?

Presidente ADAC Peter Mayer: rappresentanti degli automobilisti?

Molti membri dell'ADAC dovrebbero stordire gli occhi con stupore e porre la stessa domanda: perché Peter Mayer ora sta chiedendo un aumento delle tasse sui carburanti che aveva criticato in modo massiccio non molto tempo fa e che voleva anche vedere ridotto?

La politica è quando ridi comunque. Seriamente, ciò che era sbagliato un anno o due fa non può essere adesso. Il presidente dell'ADAC, Peter Meyer, ha chiesto a gran voce il cosiddetto Petrol Summit 2011 per parlare di tagli alle tasse per gli automobilisti. "Per alleviare il conducente, sarebbe ora il momento di abbassare la tassa sugli oli minerali in Germania al livello più basso nei paesi vicini o di sospendere la tassa ecologica", ha detto Meyer. A quel tempo, il presidente dell'ADAC ha sollevato una forte ondata di lamentele da parte dei suoi membri riguardo ai prezzi elevati del carburante. Il presidente dell'ADAC come populista.

Oggi condivide le critiche degli oppositori del pedaggio, che l'ADAC ha respinto dall'inizio, il che è abbastanza giustificato. Mayer è ora improvvisamente convinto: se gli automobilisti dovrebbero dare un contributo alla manutenzione delle infrastrutture, allora non attraverso un pedaggio. "La cosa più semplice sarebbe sicuramente aumentare la tassa sugli oli minerali", ha detto Meyer in un'intervista. "Sarebbe anche la soluzione più giusta: se guidi molto, paghi molto".

Non ha senso che Mayer stia ora chiedendo tasse più elevate. Perché è l'esatto contrario di ciò che quest'uomo ha chiesto per anni. Bisogna chiedersi se Mayer, in quanto uomo dell'ADAC, rappresenti effettivamente gli interessi dei conducenti con la sua opinione. O dovrebbe anche dimettersi. Perché non esiste un modo più chiaro per ignorare gli interessi dei conducenti. E in qualità di presidente dell'ADAC, molti membri resteranno senza fiato. Forse adesso c'è persino un'onda d'uscita.

È già vero oggi che i conducenti frequenti pagano più di quelli occasionali. Questo dovrebbe essere noto anche al presidente dell'ADAC. E il suo capo del dipartimento dei trasporti, Ralf Resch, arriva persino a fare questa dichiarazione scandalosa negli argomenti quotidiani: “Una vignetta incoraggia la guida a tariffa forfettaria. Viene quindi guidato molto di più del necessario ". In parole povere, ciò significa che l'ADAC vuole chiedere al conducente di pagare per ogni chilometro percorso oltre il limite necessario. Visto il peso che grava sugli automobilisti, è una guancia. Inoltre, è già comune oggi tramite la tassa sugli oli minerali.

Sì, i funzionari dell'ADAC sono completamente fuori luogo? O infiltrato dai Verdi? Corrotto dagli aiuti ambientali tedeschi? Come può essere che l'ADAC di tutte le persone voglia limitare o rendere più costosa la mobilità individuale? L'ADAC critica la presunta "guida a tariffa fissa". Non posso crederci! Il gruppo anti-auto formula più cautamente.

Quando il presidente dell'ADAC Mayer ha chiesto una riduzione delle tasse sui minerali e / o sull'ecologia perché si diceva che i prezzi del carburante fossero diventati "inaccessibili", il diesel costava solo 1,30 EUR per litro di Super 1,43 EUR. E oggi, a prezzi ancora più alti, il rappresentante di oltre 18 milioni di conducenti chiede un aumento delle tasse sul carburante?!?! Comprendi chi vuole. Il presidente dell'ADAC come un collo di cigno opportunistico, si spera che i membri dell'ADAC prendano d'assalto questa nuova direzione.

Le dichiarazioni di Mayer erano solo una mongolfiera per tornare sulla stampa? Un presidente dell'ADAC dovrebbe tuttavia mostrare una certa chiarezza nelle sue esigenze politiche. Chiedere tasse più basse oggi, tasse più alte domani non aumenta esattamente la sua credibilità. E l'ADAC non dovrebbe scommettere anche su quello del club. Se Mayer non lo avesse fatto con questo passo falso presidenziale. Ci sono altri club automobilistici che rappresentano ancora gli interessi dei conducenti.

AvD Logo 110x70

Lascia un commento su "Il presidente dell'ADAC rappresenta ancora gli interessi dei conducenti tedeschi? Un anno fa Peter Mayer ha chiesto una riduzione della tassa sugli oli minerali - ora vuole aumentarla"

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*