Il clima globale è arretrato rispetto al riscaldamento globale: il cambiamento climatico apocalittico è un ricordo del passato, ma l'isteria climatica dell'UE rimane

Il commissario europeo per il clima Hedegaard ha detto nel "Telegraph"

Il commissario europeo per il clima Hedegaard ha detto nel "Telegraph"

Naturalmente, i giudizi errati non sono facilmente ammessi a Bruxelles. Dal divieto delle luci a incandescenza all'estrema regolamentazione del CO2 nelle automobili: la politica climatica dell'UE si basa sull'ipotesi che le persone uccidano il clima. Sebbene l'IPCC si stia chiaramente allontanando, la burocrazia dell'UE probabilmente si atterrà ai suoi errori ideologicamente motivati. Per troppo tempo ha dipinto scenari horror sul muro affinché i cittadini brucino la grande incredulità. E "esperti" stanno già riferendo, avvertendo di non prendere sul serio il cambiamento climatico, contrariamente ad altri risultati.

Quando il quinto rapporto dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) sarà pubblicato questa settimana, ci saranno ancora più facce tra gli apocalittici climatici che tra i Verdi di domenica alle elezioni del Bundestag. Il riscaldamento climatico presumibilmente drammaticamente accelerato dagli umani è ovviamente una fine della vita. L'IPCC non vuole dirlo chiaramente, ma almeno il ritiro è stato avviato. Mi ricorda le tesi degli anni 'XNUMX, quando i ricercatori sul clima della rivista Der Spiegel hanno messo in guardia in una storia di copertina sull'inizio di una nuova era glaciale.

L'ultimo rapporto IPCC chiarisce che il riscaldamento globale sta procedendo molto più lentamente di quanto fosse stato apostrofato anni fa. Nell'ultima relazione del 2007, il consiglio per il clima ha ipotizzato un tasso di riscaldamento significativamente più elevato o più rapido. Invece di 0,2 gradi per decennio, ora si presume che 0,05 gradi in dieci anni. Il consiglio del clima ha scoperto che i modelli di computer non erano corretti. Devi essenzialmente affrontare un puzzle. Le dichiarazioni sugli effetti dell'anidride carbonica sul clima sono chiaramente relativizzate nell'ultimo rapporto. In ogni caso, il nuovo rapporto sul clima chiarisce che il clima si riscalda meno di quanto previsto dagli esperti. Al fine di non perdere completamente la faccia, il consiglio del clima sostiene che, nonostante gli errori nei modelli di computer, "con una probabilità molto alta" gli umani sono responsabili di almeno il 50 percento di essi.

Il ritiro provvisorio non contesta la burocrazia dell'UE. Al contrario. Ciò che dice il santo patrono del clima dell'UE è presuntuosa insolenza. Il commissario per il clima Connie Hedegaard partecipa a un'intervista in inglese "Il telegrafo" al seguente annuncio: anche se i ricercatori del clima si sbagliassero con il loro avvertimento sul riscaldamento globale, anche allora tutte le leggi avviate dall'UE in materia di protezione del clima sarebbero corrette. Qualcuno qui è preoccupato per il suo ottimo lavoro come commissario per il clima? http://www.telegraph.co.uk/earth/environment/climatechange/10313261/EU-policy-on-climate-change-is-right-even-if-science-was-wrong-says-commissioner.html

Anche le lamentele dei cittadini sull'aumento dei prezzi dell'energia sono ingiustificate. Dovremmo abituarci a pagare molto di più per l'energia di quanto facciamo oggi. Invece di arrabbiarsi per i prezzi elevati dell'energia, i cittadini dovrebbero usare meno energia, dice la signora Hedegaard, suonando piuttosto arrogante e lontana dai cittadini. Il rapporto sul clima previsto per il 27 settembre non dovrebbe portare a "ignorare i cambiamenti climatici causati dall'uomo". La signora Hedegaard ora teme che il nuovo rapporto IPCC possa mettere a repentaglio gli sforzi di protezione del clima.

Sì, si spera che farà più di una semplice domanda!

Il portavoce della politica ambientale del FDP al Parlamento europeo, Holger Krahmer, vede nel nuovo rapporto una ragione sufficiente per “riconsiderare gli obiettivi di CO2 pericolosi per l'industria automobilistica tedesca”. È stato dimostrato che le leggi e i regolamenti dell'UE si basano su calcoli non applicabili. "Questo non è sufficiente per giustificare le violazioni di vasta portata sulle libertà civili e gli alti costi associati alle leggi sulla protezione del clima". Il commissario per il clima ha risposto: "Non sarebbe stato bene in ogni caso aver fatto molte delle cose necessarie dovrebbe fermare il cambiamento climatico ", sfida la conoscenza scientifica. In un linguaggio semplice, esprimono: anche se la scienza era sbagliata, la politica basata su di essa è ancora corretta. Un atteggiamento più che presuntuoso che mi ricorda un po 'una canzone del perduto "GDR": "La festa, la festa, hanno sempre ragione ..."

Conclusione: è un bene che le nostre auto siano diventate più economiche e stanno diventando molto più economiche. Ma è tempo che le richieste esagerate in termini di CO2 vengano messe in termini oggettivi e che le realtà fisiche vengano adattate.

 

Lascia un commento su "Il clima globale sta arretrando di fronte al riscaldamento globale: il cambiamento climatico apocalittico è un ricordo del passato, ma l'isteria climatica dell'UE rimane intatta"

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*