Articolo di Peter Groschupf

Carlos Tavares, capo di Stellantis: Non era l'industria a volere le auto elettriche, ma la politica

 

Quando i politici si confrontano con domande sul senso e sull'assurdità delle auto elettriche, si sente particolarmente spesso una risposta: l'industria ha deciso da tempo a favore della mobilità elettrica, è già "molto più avanzata". Tuttavia, non è vero. L'industria è costretta dalla politica a favorire la mobilità elettrica. Ma ora, dopo la BMW, un altro produttore si sta staccando dalla mandria di coloro che vedono acriticamente la mobilità della batteria come l'unica tecnologia in grado di salvare vite umane.

 


Il ministro dei trasporti Volker Wissing ha infranto una promessa elettorale dell'FDP?

Il ministro dei trasporti dell'FDP, Volker Wissing, non è caduto, ma ha inciampato violentemente. Si può parlare di comunicazione dilettantistica, anche goffa, del ministro, che solo il giorno dopo al Bundestag ha dovuto riprendere una dichiarazione infuocata. Se il canottaggio fosse una disciplina olimpica, Wissing sarebbe sicuramente un contendente alla medaglia.

 

"Nel prossimo futuro non avremo abbastanza combustibili elettronici per far funzionare le auto con motori a combustione che ora sono immatricolati", ha detto il ministro al "Tagesspiegel" sul ruolo dei combustibili sintetici generati con l'elettricità. In realtà un duro rifiuto del motore a combustione. Nel programma elettorale di FDP diceva: "I combustibili sintetici sono un'alternativa per tutti i tipi di trasporto che possono essere utilizzati nei motori a combustione interna".


La Volkswagen è quasi diventata britannica

Sono passati 75 anni da quando la fabbrica Volkswagen è quasi diventata il bottino di guerra per gli inglesi nel 1947. La storia in gran parte sconosciuta di un grandioso errore di valutazione.

 

Da Harald Kaiser

 

Il processo era custodito come un segreto di stato. L'indagine sugli inglesi, che era in gioco, è stata altamente esplosiva in termini di industria e politica mondiale. A nessuna delle altre tre potenze vincitrici della sconfitta di Germania, USA, URSS e Francia fu permesso di conoscere le intenzioni poco dopo la fine della seconda guerra mondiale. Altrimenti, la cupidigia avrebbe potuto essere suscitata.


Audi S4 Sedan TDI: cosa desidera il cuore del diesel

Ogni volta che premo l'acceleratore nell'Audi S4 TDI, la marmotta saluta. Mi fa un cenno con la testa e mi chiede: cosa vuoi da un'auto alimentata a batteria quando ti diverti così tanto con questo diesel e ti dimostra spietatamente le sue qualità in tutti i criteri dei tester di auto? Vale a dire: autonomia infinita, un'accelerazione euforica e con tutto il dinamismo una marcata fobia per le stazioni di servizio: l'Audi S4 TDI offre tutto ciò che il cuore del tuo guidatore desidera. E anche la tua consapevolezza ambientale sarà soddisfatta con il rigoroso standard sulle emissioni Euro 6d.

 


Nonostante la tendenza verso la mobilità elettrica: ARAL prevede 2030 milioni di motori a combustione in Germania nel 30

La tendenza verso la mobilità elettrica è in parte una farsa. Anche se le statistiche continuano a dire che "E" sta esplodendo, è solo superficialmente. Perché molte statistiche includono ibridi plug-in, che di solito sono alimentati da un motore a combustione nella vita di tutti i giorni. La tendenza sarebbe finita da tempo senza finanziamenti statali, o meglio ancora, statali. Poiché è necessaria l'apertura alla tecnologia, ARAL sta lavorando intensamente sia all'espansione delle stazioni di ricarica elettrica che ai combustibili elettronici per i motori a combustione.

 


E-power dalla fabbrica AMG di Affalterbach

Puramente elettrica, AMG ha trionfato alla presentazione a Palm Springs, in California: gli esperti ad alte prestazioni di Affalterbach hanno presentato un modello di punta sopra l'EQS 580, che è ancora in offerta.

La Mercedes-AMG EQS 53 4-Matic + si distingue chiaramente - con una maschera anteriore dall'aspetto scattante con montanti decorativi verticali, cerchi da 21 o 22 pollici con design specifico AMG e un labbro dello spoiler più grande nella parte posteriore.


Veicoli fuoristrada per i secoli

Finora, l'umanità ha sparato alla luna con sei auto. Uno sta ancora guidando. La storia della folle corsa per mobilitare la luna è iniziata più di mezzo secolo fa.

Di Harold Kaiser

Solo 80 metri? Sembra un salto, un gioco da ragazzi. In ogni caso, dopo una distanza che può essere percorsa in auto in un minuto. Almeno se applichi uno standard terreno. Ma non sulla luna con le sue condizioni speciali. L'auto lunare cinese Jadehase 2 sta affrontando questo viaggio apparentemente ridicolo. È l'unico dei sette veicoli internazionali che sta ancora navigando sul satellite terrestre. Gli altri sei dagli Stati Uniti, dalla Russia e un altro dalla Cina (Jadehase 1) sono ora in pensione.


C'è davvero una tendenza verso la mobilità elettrica?

Sì, c'è, ma la tendenza è una farsa. Anche se le statistiche continuano a sostenere che "E" è in forte espansione, è solo superficialmente. Molte statistiche includono ibridi plug-in, che sono per lo più alimentati da un motore a combustione, perché gli acquirenti vogliono portare con sé il premio statale (non dovrebbe essere chiamato "premio impressionante"?) O semplicemente vogliono guidare parzialmente elettrico senza preoccuparsi di gamma.


Tesla ingannevole

Perché Tesla deve rinunciare a una sovvenzione governativa di oltre un miliardo di euro, anche se in precedenza era stata richiesta. Elon Musk dà i buonisti.

Da Harald Kaiser

Il Signore sta facendo ancora una volta una forte impressione - almeno con quegli ammiratori spesso acritici che comunque pendono dalle sue labbra. Pensano che sia onesto. Il capo di Tesla e guru delle auto elettriche Elon Musk, che è tanto sorprendente quanto imprevedibile, ha recentemente twittato che stava rinunciando a 1,1 miliardi di euro in fondi statali per avviare la propria produzione di batterie nella sua nuova fabbrica di automobili a Grünheide, nel Brandeburgo. Il sottotesto non formulato dovrebbe probabilmente leggere: Non ne abbiamo bisogno.


auto, motore e sport: sorprendentemente sottilmente auto-critici

È sorprendente come anche l'ex corpo centrale degli amici a tutto gas "auto motor und sport" sia sottilmente critico per l'auto. Alcune cose potrebbero anche essere nel "taz" ostile all'auto.

Con mio grande stupore, il caporedattore digitale Jochen Knecht ha scritto nella lettera Moove in modo un po' polemico contro le dichiarazioni del ministro dei trasporti designato Volker Wissing. Ha lanciato "candele fumogene diesel". Knecht scrive: “Che è Avvocato per automobilisti vede, si basa solo sull'interpretazione dei colleghi di SPIEGEL, il suo approccio di abbassare la tassa di circolazione per i veicoli diesel al fine di compensare almeno in parte gli oneri degli attuali alti prezzi dell'energia, ma come previsto, provoca molta frustrazione tra il resto delle feste al semaforo".


Dal bellissimo bagliore dell'auto elettrica

Commento di Peter Schwerdtmann

Ogni secondo tedesco vuole "fare affidamento sull'elettricità" la prossima volta che acquista un'auto, il produttore di energia E.ON Energie Deutschland ha riportato i risultati del suo sondaggio. Lo stesso giorno, "strategy &", parte della rete americana di analisi e previsioni PwC, riporta: "La quota di mercato delle auto elettriche in Germania raddoppia nei primi tre trimestri". o un tentativo di plasmare la realtà? Desiderio o profezia che si autoavvera?



VW Golf GTD: Viva il diesel, specialmente questo!

Modelli come la Golf GTD dovrebbero effettivamente essere banditi in modo politicamente corretto. Perché prendono ogni pensiero di un veicolo a batteria alimentato elettricamente all'assurdo.

Tuttavia, non c'è da aspettarsi che Volkswagen distrugga la sua strategia di mobilità elettrica con questo modello. Ma è anche chiaro: chiunque acquisti oggi una Golf GTD può essere sicuro di aver preso una buona decisione nonostante l'aumento dei prezzi del carburante. Anche dal punto di vista ambientale.


Studio JD Powers sulla soddisfazione del cliente: qualità Tesla: pessima, bavaglio: alto - anche l'Audi è in declino

Tesla offre protezione antifurto come solo l'auto aziendale 007, ma è molto indietro nella lista dei risultati strani. Audi è ancora più deludente.

Da Harald Kaiser

È solo un trucco o una cosa utile? Si tratta del nuovo tipo di monitoraggio remoto per le auto Tesla, che ha un tocco di glamour James Bond e che ci si aspetterebbe di trovare nell'Aston Martin dell'eterno agente. Questo perché il guidatore di Tesla può utilizzare la funzione remota attivata di recente per controllare le immediate vicinanze del veicolo elettrico tramite le telecamere integrate nell'auto. E questo tramite le comunicazioni mobili comodamente da casa, dall'ufficio, dal ristorante o da qualsiasi altro luogo. La tecnologia si chiama "Sentry Mode Live Camera Access" (tradotto approssimativamente: modalità di sorveglianza con accesso alla telecamera live).


Il capo della BMW Oliver Zipse non lascia correre Spiegel-Inquisition da nessuna parte

Il capo della BMW Oliver Zipse non è un opportunista. Nell'intervista a Spiegel mostra la sua spina dorsale e lascia nel vuoto i due redattori di Spiegel con le loro domande faziose. Anche se BMW non può sfuggire alla pressione imposta sull'e-mobility, Zipse chiarisce che il cambiamento politicamente auspicato all'e-mobility non può essere imposto.

Oliver Zipse ammette che, oltre a una iX completamente elettrica, guida anche una Serie 7 con motore a combustione. Alla domanda se consiglierebbe ai suoi clienti di passare alla mobilità elettrica in vista dell'aumento dei prezzi della benzina, sottolinea che anche i prezzi dell'elettricità stanno aumentando. Sarebbe un errore impegnarsi prematuramente in un solo tipo di guida. Si applica l'intera CO2- Considerare l'impronta di un'auto lungo l'intera catena di approvvigionamento, dalla produzione allo smaltimento. BMW voleva il CO2- Ridurre l'impronta del 2030% entro il 40 rispetto al 2019. Entro il 2030, BMW vuole generare il 50% delle vendite in tutto il mondo con auto completamente elettriche. Il successo della mobilità elettrica dipende anche dall'espansione dell'infrastruttura di ricarica, che attualmente deve crescere cinque volte più velocemente.